SVELATI I VINCITORI DEL CONCORSO

Sabato 15 dicembre 2018

COMUNICATO STAMPA

Premiazione “La Biblioteca più antica al mondo raccontata a fumetti”

“Creazione di un lavoro grafico che realizzi una breve storia della Biblioteca più antica al mondo: la Capitolare di Verona”. Questo l’obiettivo che si poneva il primo concorso di fumetto denominato “La Biblioteca più antica al mondo raccontata a fumetti” organizzato dalla Biblioteca Capitolare di Verona, in collaborazione con Fondazione Discanto e sostenuto da UniCredit

Le tracce selezionate per questa prima edizione riguardano tre dei personaggi principali della storia della Capitolare i quali ne hanno segnato in maniera decisiva le vicende. Si comincia da colui che lasciando la propria firma ha testimoniato l’esistenza dello scriptorium già a partire dal VI secolo, l’ormai celeberrimo Ursicino, passando poi a Scipione Maffei e al ritrovamento di 99 codici antichi che erano stati nascosti durante la peste del 1630 e mai più ritrovati, per terminare con il salvataggio dei codici di parte di Mons. Giuseppe Turrini durante la seconda guerra mondiale. Ogni candidato potrà scegliere una delle tracce proposte e dare spazio alla propria fantasia, cercando di realizzare un’opera storicamente attendibile e con un forte impatto comunicativo.

Il concorso era rivolto a fumettisti di tutte le età, professionisti e non.

In totale sono stati oltre 40 i partecipanti, tra professionisti, studenti, appassionati e la partecipazione straordinaria di una scuola media inferiore di Valeggio sul Mincio.

A comporre la giuria Mons. Bruno Fasani, prefetto della Biblioteca Capitolare di Verona, Antonino Calogero, vignettista ed illustratore, docente di corsi di fumetto per ragazzi e adulti, Fondazione Discanto, ente promotore del concorso e UniCredit, main sponsor del concorso.

Questi i vincitori, dal primo al terzo classificato:

Simone Perlina e Giada Zavarise, traccia “Ursicino e lo scriptorium”
Tommaso Scandola, traccia “Scipione Maffei e il ritrovamento dei codici perduti”
Giulia Cavanni, traccia “Ursicino e lo scriptorium”

Una menzione speciale a Giorgio Espen per l’efficacia dell’elaborato realizzato quale strumento di promozione dell’immagine della Capitolare.